07/12/2013

* L'ancre estampée des plumes LOCATI...

Déjà évoquée dans nos colonnes par Pierre Bertin, Paolo Bovi, Valerio Pacciolla, voici une synthèse de l'étude réalisée par un groupe de collectionneurs italiens  proposant une codification définitive qui devrait faciliter les échanges.

Elle est basée sur quatre critères :

a) anneau d'ancrage, sans ou avec pénétration de la barre de soutien (partielle ou entière);

b) présence ou non d'une barre perpendiculaire à la barre de soutien ;

c) extrémité des pointes : triangulaires ou linéaires ;

d) présence ou non d'un renforcement de la base.

Ci dessous, le texte complet et original de leurs travaux ainsi que les schémas explicatifs.

---------------

Abbiamo ritenuto necessario pensare ad una codifica univoca delle ANCORE che, molto spesso, compaiono sui pennini LOCATI. Abbiamo esaminato con estrema accuratezza tutti i pennini a nostra disposizione. 

Abbiamo tenuto nella corretta considerazione le proposte sullo stesso argomento già elaborate in precedenza da altri calamofili ed a noi note come, per esempio, quella di Pierre Bertin.

 Abbiamo, a nostra volta, elaborato delle proposte individuali che ci hanno portati alle seguenti conclusioni:

  • a) la forza impressa dalla punzonatrice non è sempre uguale e, quindi, il prodotto di tale azione molto spesso presenta caratteristiche differenti. Riteniamo che possa derivare da ciò l’estrema difficoltà che abbiamo  riscontrato nell’attribuire una codifica precisa alle punte dell’ancora: nella stessa scatola i pennini molto marcati sembra che abbiano le punte piene (o solo una delle due) mentre gli altri sembra che le abbiano lineari;

 

  • b) i punzoni non sempre mantengono il medesimo rapporto nelle dimensioni dei vari componenti. Tra pennini  dello stesso tipo, presenti in scatole differenti, ne abbiamo trovati alcuni che presentavano un rapporto tra il diametro della cicala e la lunghezza del fusto molto differente;  

 

  • c)  nonostante sulle scatole dei pennini o all’interno delle stesse sia detto che l’ANCORA è un marchio depositato, su scatole diverse si indicano marchi diversi  (Fig. 1 e Fig. 2). Con queste premesse è difficile pensare che in fabbrica ci fosse una particolare attenzione al marchio;

 

  • d)  coniugando i risultati della nostre verifiche abbiamo cercato di determinare solo le componenti basilari per un’efficace codifica e quindi evitare di aggiungere ulteriori elementi che, alla fine, avrebbero reso ogni pennino LOCATI un esemplare unico.

Codifica

Abbiamo deciso di suddividere il marchio in quattro parti (vedi Fig. 3) e di associare ad esso un codice di quattro cifre.

In questo modo sarà facile ricordare il codice in quanto la posizione della cifra indicherà la zona specifica di riferimento ed il valore della cifra il contenuto della zona stessa.

ancora.jpg

 Fig. 1

ancora 2.jpg

 Fig. 2

ancora 3.jpg

Fig. 3

Utilizzando le sole variabili che abbiamo deciso di prendere in considerazione, risulta che:

  • a) il primo numero, quello che fa riferimento alla “cicala”, assume i valori:

0         nel caso di CICALA NON PENETRATA

1         nel caso di CICALA PENETRATA PARZIALMENTE

2         nel caso di CICALA PENETRATA COMPLETAMENTE

 

  • b) il secondo numero, quello che fa riferimento al “ceppo”, assume i valori:

0         nel caso di CEPPO ASSENTE

1         nel caso di CEPPO PRESENTE

 

  • c) il terzo numero, quello che fa riferimento alle “punte”, assume i valori:

0       nel caso di PUNTE LINEARI

1   nel caso di PUNTE TRIANGOLARI

 

  • d) il quarto numero, quello che fa riferimento al “rinforzo”, assume i valori:

 0       nel caso di RINFORZO ASSENTE

 1       nel caso di RINFORZO PRESENTE.

Abbiamo concluso che questo sistema di codifica sia facile da ricordare e consenta qualsiasi ampliamento sia in termini di aggiunta di elementi tipizzanti (sarebbe sufficiente aggiungere una cifra) che di variazioni nella tipologia già individuata (sarebbe sufficiente aggiungere dei valori).


Esempi di codifica

ancora 4 a.jpg

ancora 4.jpg

Pensiamo che la semplicità del sistema da noi già adottato sia inconfutabile e ci aiuterà negli scambi. 

Suggeriamo, anche se non lo riteniamo indispensabile, di far precedere il codice da una “A” per precisare che lo stesso fa riferimento all’ancora.

Cordialmente

 Paolo Bovi     Stefano Mariotti    

Valerio Pacciolla     Pierluigi Peressini

 

07:21 Écrit par ra51 - dans Plumes italiennes | Lien permanent | Commentaires (0) |  Facebook |

Les commentaires sont fermés.